14 gen 20

La Formula E mantiene la certificazione ISO 20121 per eventi sostenibili

L'ABB FIA Formula E Championship continua a essere l'unico campionato ad aver ricevuto la certificazione ISO 20121 di terzi e continua a stabilire lo standard internazionale per eventi sostenibili. 

Con nuove idee e innovazioni per aiutare a educare e ispirare il nostro intero ecosistema a riciclare e ridurre attivamente la quantità di rifiuti prodotti in loco, la Formula E ha ancora una volta soddisfatto i severi criteri necessari per mantenere il massimo livello di certificazione per eventi sostenibili. 

Oltre a organizzare eventi sostenibili, lo scopo principale e la missione più ampia della Formula E consistono nell'accelerare l'adozione di veicoli elettrici e, inoltre, nell'aiutare a combattere l'inquinamento atmosferico in alcune delle città più sovraffollate e densamente popolate del mondo. 

L'inquinamento atmosferico rappresenta oggi il più grande rischio ambientale per la salute umana e, secondo gli ultimi dati dell'Organizzazione mondiale della sanità, uccide più persone ogni anno rispetto al fumo di sigarette: 8,8 milioni di decessi correlati, rispetto a sette milioni legati al tabacco. 

Per accelerare il passaggio all'elettricità e consentire a più persone di scegliere l'energia pulita, la Formula E ha creato un programma di sostenibilità basato su tre pilastri: offrire eventi ed E-Prix sostenibili, produrre un impatto positivo significativo in ciascuna città ospitante e utilizzare una piattaforma globale per promuovere le auto elettriche e il loro ruolo nella lotta all'inquinamento atmosferico. 

La certificazione ISO 20121 - rilasciata dall'ente di accreditamento SGS e confermata dopo tre separati audit di sorveglianza durante la scorsa stagione - mostra l'instancabile impegno dell'ABB FIA Formula E Championship per ottenere un futuro più pulito, più velocemente. 

"La Formula E integra la sostenibilità stagione dopo stagione, esplorando nuove iniziative, interagendo con le comunità e i fornitori locali e applicando solide valutazioni di impatto", ha affermato Ana Inacio, SGS Auditor.  

"Sta prendendo il comando negli sport motoristici sostenibili e sta stabilendo un nuovo punto di riferimento per il settore". 

Lavorando in stretta collaborazione con partner e fornitori esistenti nel corso delle stagioni per impegnarsi su obiettivi di sostenibilità comuni, il campionato di competizioni elettriche su strada ha aumentato il numero di iniziative introdotte per migliorare la gestione dei rifiuti. 

Tali iniziative includono, ad esempio, stazioni di idratazione Allianz, sacche d'acqua per ridurre l'uso di bottiglie di plastica monouso e un marchio riciclabile non in PVC. 

Le sacche d'acqua marchiate, riutilizzabili e riciclabili, vengono distribuite gratuitamente agli spettatori e allo staff in ogni evento, con stazioni di ricarica strategicamente posizionate nel paddock, nelle aree di ospitalità e nella fan zone dell'Allianz E-Village. 

Da quando la Formula E e Allianz hanno iniziato a fornire sacche d'acqua a Marrakesh a gennaio dello scorso anno, l'ABB FIA Formula E Championship ha risparmiato l'equivalente di oltre 200.000 bottiglie di plastica monouso da 330 ml. 

Oltre ai nuovi progetti pionieristici per ridurre la quantità di rifiuti prodotti, la Formula E sta facendo da apripista con un'opera di sensibilizzazione per un riciclaggio più responsabile al fine di informare meglio i partecipanti all'evento su come limitare l'impatto ambientale. 

Introdotti all'inizio della scorsa stagione, i "Recycling Ranger" si trovano in aree ad attività elevata, fornendo assistenza ai team di formazione, allo staff e agli spettatori su come ottenere il massimo da metodi di riciclaggio misti e dallo smaltimento dei rifiuti. 

Oltre a promuovere il riciclaggio e diversi modi di smaltire i rifiuti, l'ABB FIA Formula E Championship sta collaborando con fornitori e partner, come Umicore e CSM Live, per mettere in atto soluzioni sostenibili e incorporarle nella pipeline di produzione. 

La Formula E collabora con gli esperti del settore presso Umicore - una delle poche aziende in tutto il mondo a offrire un percorso di riciclaggio completo per le batterie agli ioni di litio - per recuperare e riutilizzare le celle utilizzate nelle auto di prima generazione, con estese opzioni di smaltimento in fase di valutazione per le batterie attualmente utilizzate durante le gare. 

"Il concetto della Formula E è stato creato con l'obiettivo primario di accelerare l'adozione di veicoli elettrici e promuovere pratiche sostenibili, sensibilizzando l'opinione pubblica sui benefici della guida elettrica e sui modi in cui una mobilità pulita può contrastare i cambiamenti climatici", ha affermato Julia Palle, Senior Sustainability Consultant della Formula E. 

"Organizziamo eventi all'insegna della sostenibilità e la rinnovata certificazione ISO 20121 mostra il nostro impegno per questa causa e funge da promemoria per ciò che abbiamo raggiunto e per la nostra ambizione di continuare a innovare in questo settore. 

"Collaborando con gli auditor SGS, gli esperti ambientali e i nostri partner, ci impegniamo a intensificare i nostri sforzi nella sperimentazione di nuove tecnologie e nella realizzazione di iniziative sostenibili al fine di ridurre ulteriormente la nostra impronta. 

"Cerchiamo continuamente di implementare le soluzioni più innovative disponibili sul mercato per migliorare ogni aspetto dei nostri eventi e speriamo che ciò ispiri altri sport e organizzazioni ad adottare un approccio simile in futuro". 

Inoltre, la serie lavora fianco a fianco con fornitori globali come CSM Live, che hanno sviluppato un nuovo marchio e una nuova segnaletica a terra sostenibili. La segnaletica, introdotta nella gara di Roma, utilizza un innovativo materiale non PVC ampiamente riciclabile, riducendo di 10 chilometri la quantità di rifiuti da inviare alla discarica a ogni evento. 

ISO 20121 è lo standard internazionale per la sostenibilità negli eventi ed è stato introdotto poco dopo le Olimpiadi di Londra del 2012, implementando un sistema di gestione incentrato su tre obiettivi principali: ridurre l'impronta ambientale individuale degli eventi, creare un modello finanziario di successo per la crescita e diventare più socialmente responsabile. 

Oltre all'ABB FIA Formula E Championship, anche altri importanti eventi sportivi internazionali hanno ottenuto la certificazione ISO 20121, tra cui le Olimpiadi estive del 2016 a Rio de Janeiro, il Campionato europeo UEFA del 2016 in Francia e il Roland Garros French Open a Parigi. 

Leggi tutte le informazioni sul programma di sostenibilità dell'ABB FIA Formula E Championship