Come la Formula E raggiunge lo zero netto

How Formula E achieves net zero

L'ABB FIA Formula E World Championship è diventato il primo sport globale ad essere certificato con un'impronta di carbonio netta pari a zero sin dall'inizio nel 2020, dopo aver investito in progetti certificati di protezione del clima in tutti i mercati delle gare per compensare le emissioni di ogni stagione di corse elettriche.

In

qualità di firmataria e a seguito dell'iniziativa delle Nazioni Unite Climate Neutral Now, la Formula E gestisce la propria impronta di carbonio attraverso tre fasi chiave: misurazione efficace della produzione di carbonio, priorità alla riduzione dell'impronta di carbonio del campionato e compensazione delle emissioni inevitabili rimanenti. Sulla UK Net Zero Week, ecco come funziona la Formula E.

Misura

Sin

dalla sua stagione inaugurale, la Formula E ha collaborato con gli esperti di impronta di carbonio Quantis per effettuare una valutazione del ciclo di vita, che viene utilizzata per monitorare e calcolare l'impronta di carbonio del campionato.

Una valutazione del ciclo di vita è uno strumento utilizzato per valutare in modo olistico gli impatti ambientali, sociali ed economici dell'intero campionato. La Formula E monitora questi impatti in ogni gara e li segnala ogni stagione al fine di identificare le opportunità per apportare ulteriori miglioramenti nelle operazioni e nella pianificazione.

Le nostre emissioni complessive della Stagione 7:19.600 t CO2 -eq. contro 20.000 t CO2 -eq. della stagione 6

Sebbene la pandemia abbia avuto un impatto sulle ultime due stagioni, riducendo in modo significativo le nostre emissioni totali, la Formula E è stata comunque in grado di avere un impatto considerevole nella riduzione delle emissioni complessive nella stagione 7 rispetto alla stagione 6, nonostante un significativo aumento del numero di gare e luoghi.

s7-carbon-chart

Ridurre

Il

programma di sostenibilità della Formula E si basa su tre pilastri: offrire eventi sostenibili, avere un impatto positivo significativo in ogni città ospitante e utilizzare la nostra piattaforma globale per promuovere le auto elettriche e il ruolo che avranno nell'affrontare l'inquinamento atmosferico.

Dall'ottimizzazione dei trasporti e della logistica, all'estensione delle opzioni di fine vita delle batterie agli ioni di litio e all'eliminazione della plastica monouso in loco, la spinta del campionato verso pratiche sostenibili ha portato la Formula E a diventare la prima e unica categoria nel motorsport a ricevere la certificazione ISO 20121 di terze parti, lo standard internazionale per la sostenibilità negli eventi.

«La Formula E è stata creata con l'obiettivo principale di accelerare l'adozione di veicoli elettrici e promuovere pratiche sostenibili, sensibilizzando sui vantaggi della guida elettrica e su come una mobilità pulita possa contrastare i cambiamenti climatici», ha dichiarato Julia Pallé, responsabile della sostenibilità della Formula E, sul rinnovo della certificazione ISO 20121 da parte del campionato.

«Organizziamo eventi con la sostenibilità in primo piano e la certificazione dimostra il nostro impegno in questa causa e ci ricorda ciò che abbiamo raggiunto e anche la nostra ambizione di continuare a innovare in questo settore».

Alcuni esempi di come abbiamo ridotto l'ingombro complessivo della serie includono:

  1. Trasporto merci: ottimizzazione del calendario, con più set di spedizioni marittime per coprire determinati continenti, utilizzo di un approccio multimodale con priorità strada/mare/ferrovia rispetto al trasporto aereo, ove possibile, solo il trasporto di articoli critici per la gara e il completamento degli audit dell'inventario delle merci per capire cosa può invece essere reperito localmente.
  2. Fornitori: collaborazione diretta con i fornitori per garantire soluzioni a basso impatto, tra cui l'approvvigionamento di cibo e bevande a livello locale e l'integrazione della sostenibilità nella costruzione, nel funzionamento e nei contenuti della nostra fan zone dedicata, l'Allianz E-Village.
  3. Trasporti: non forniamo parcheggi pubblici durante i nostri eventi per incoraggiare l'uso di trasporti pubblici, sostenibili e condivisi. Solo il personale responsabile della gara si reca agli eventi per ridurre le presenze non necessarie e diamo priorità ai servizi ferroviari per le nostre gare europee.
  4. Rifiuti: rimozione delle bottiglie di plastica monouso in loco e introduzione di recipienti riutilizzabili e stazioni di idratazione Allianz per ridurre i rifiuti prodotti in loco

 

Compensazione

In definitiva, le iniziative di riduzione dell'impronta ambientale del campionato contribuiscono a garantire che la Formula E sia in grado di operare al livello di emissioni inevitabile più basso possibile.

La serie ha quindi indirizzato gli sforzi verso la compensazione di queste emissioni con progetti sostenibili che non solo andranno a beneficio delle economie locali e delle persone nelle località in cui gareggiamo in tutto il mondo, ma contribuiranno anche a ridurre le emissioni globali di CO2, apportando un cambiamento più ampio e positivo.

Le emissioni inevitabili delle passate stagioni sono state tutte compensate mediante investimenti esclusivamente in progetti certificati secondo i severi requisiti del Verified Carbon Standard (VCS), del Clean Development Mechanism (CDM) e/o del Gold Standard (GS), tutti conformi alle normative delineate nel Protocollo di Kyoto dal Segretariato delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.

world-map-net-zero

Ci assicuriamo di concentrare la nostra attenzione sulle regioni che hanno ospitato le gare di Formula E per massimizzare i vantaggi per le nostre località ospitanti, selezionando attentamente le iniziative in base ai loro contributi sociali e/o ecologici. Dalla generazione di energia da biogas in Cina, alla generazione di energia da gas da discarica in Messico e alla generazione di energia eolica in Marocco, l'impatto di questi progetti va ben oltre i benefici ambientali.

Gen3: Net zero in base alla progettazione

La Formula E crea un ambiente in cui alte prestazioni e sostenibilità coesistono fortemente. I maggiori esperti di sostenibilità della FIA e della Formula E hanno lavorato a stretto contatto con gli ingegneri durante tutto il processo di sviluppo per garantire che la Gen3 stabilisca il punto di riferimento per la sostenibilità delle auto da corsa ad alte prestazioni.

GEN3 UNWRAPPED: copre la nuova auto e la nuova era della Formula E

La Gen3 è la prima auto da formula allineata al Life Cycle Thinking con un chiaro percorso verso una seconda vita e la fine del ciclo di vita per tutti gli pneumatici, le parti rotte e le celle della batteria. È progettato per essere a zero emissioni nette di carbonio:

  • Il Gen3 sarà a zero emissioni nette di carbonio, mantenendo lo status del campionato come il primo sport ad essere certificato come zero emissioni nette sin dall'inizio.
  • Tutte le parti rotte in fibra di carbonio verranno riciclate mediante un processo innovativo dell'industria aeronautica e aerospaziale in nuove fibre riutilizzabili per altre applicazioni
  • Un processo pionieristico introdurrà il 26% di materiali sostenibili nella composizione degli pneumatici
  • Il Gen3 è alimentato da motori elettrici che sono sostanzialmente più efficienti degli ICE in quanto possono convertire oltre il 90% dell'energia elettrica in energia meccanica (movimento) rispetto a circa il 40% degli ICE ad alta efficienza
  • Tutti i fornitori sono tenuti a rispettare rigorosi KPI di sostenibilità, in particolare l'ottenimento della certificazione ambientale FIA 3* entro la stagione 9


Per saperne di più sui progetti di compensazione certificata in cui la Formula E ha investito, fai clic sulle sedi seguenti. Tutti i nostri progetti si trovano in prossimità regionale delle gare attuali e precedenti, comprese molte sedi di gara nel nostro calendario di gare.