13 mar 20

La Formula E e la FIA hanno deciso di sospendere temporaneamente la stagione

La Formula E e la FIA hanno annunciato che la stagione 2019/20 verrà temporaneamente sospesa per un periodo di due mesi, considerando le problematiche che l'attuale crisi sanitaria pone all'organizzazione degli eventi nei centri delle città.

La decisione di congelare temporaneamente le gare, che si svolgono in città densamente popolate, è stata presa in coordinamento con le autorità locali competenti nell'ottica di assumere la linea di condotta più responsabile a causa del continuo diffondersi del coronavirus e dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato ufficialmente che il COVID-19 è una pandemia.

Mettendo al primo posto il benessere dello staff, degli spettatori e dell'intera forza lavoro coinvolta nel campionato, sono state adottate misure cautelative che prevedono l'interruzione delle gare per un determinato periodo di tempo.

La Formula E sta implementando un sistema basato sulle bandiere, tradizionalmente utilizzato nel motorsport, per determinare le diverse fasi e finestre temporali in cui le gare potrebbero essere riorganizzate o potrebbero svolgersi come prestabilito. La bandiera rossa indica l'impossibilità di gareggiare, quella gialla che potrebbe essere possibile correre e quella verde che la gara si può svolgere come da programma.

I mesi contrassegnati con bandiera rossa sono marzo e aprile, maggio è attualmente contrassegnato con bandiera gialla e giugno e luglio con bandiera verde, qualora la situazione migliorasse e si stabilizzasse.

A causa della sospensione, non sarà più possibile gareggiare a Parigi, a Seoul né a Giacarta nelle date originariamente pianificate, come annunciato in precedenza.

In collaborazione con la FIA e le autorità locali di ciascuna località dell'evento, la Formula E seguirà da vicino la situazione e valuterà le opzioni per organizzare e riprogrammare le gare dopo il periodo di sospensione temporanea.

"A questo punto è il momento di fare una scelta responsabile, per cui abbiamo deciso di sospendere temporaneamente la stagione e introdurre misure per bloccare il campionato per i prossimi due mesi" ha dichiarato Alejandro Agag, fondatore e presidente della Formula E.

"Il motorsport svolge un grande ruolo nella nostra vita ed è importante, ma ciò che conta di più sono la salute e la sicurezza del nostro personale, dei fan e delle loro famiglie, nonché degli abitanti delle città in cui corriamo". 

"L'ABB FIA Formula E Championship tornerà nel pieno delle proprie energie una volta che la crisi sanitaria in corso e la diffusione del COVID-19 si saranno attenuate" ha aggiunto Agag.