12 ago 20

A Berlino Oliver Rowland conquista la sua prima vittoria nel Round 10 dell'E-Prix di Formula E e sale in seconda posizione

A Berlino, Oliver Rowland (Nissan e.dams) ha ottenuto la sua prima vittoria nel Round 10 dell'E-Prix di Formula E arrivando al secondo posto nella classifica piloti, con Nissan che aumenta il suo vantaggio al secondo posto nella classifica costruttori.

Il pilota britannico ha guidato la gara dall'inizio alla fine davanti a Robin Frijns (Envision Virgin Racing) e Rene Rast (Audi Sport ABT Schaeffler), che ha conquistato un primo podio in Formula E con un'aggressiva manovra nell'ultimo giro su Andre Lotterer (TAG Heuer Porsche).

Rowland, che ha conquistato la Julius Baer Pole Position, ha iniziato bene la gara e Frijns ha seguito il suo esempio. Tuttavia, Lotterer è stato il più audace uscendo fuori dalla traiettoria e recuperando due posizioni, fino a occupare il quinto posto, nel primo giro.

Oliver Turvey (NIO 333), Nyck de Vries (Mercedes-Benz EQ) e Sam Bird (Envision Virgin Racing) sono stati tutti coinvolti in una tamponata, che ha causato un mezzo testacoda dell'auto di Bird. Sono stati tutti colpiti, ma hanno potuto proseguire senza problemi.

Dei quattro campioni partiti dalle ultime posizioni della griglia in seguito al grave errore che hanno commesso durante la sessione delle qualifiche, Antonio Felix da Costa (DS Techeetah) è riuscito ad avere la meglio e risalire fino al 16° posto nelle prime fasi di gara.

Lucas di Grassi (Audi Sport ABT Schaeffler) ha tamponato Max Guenther (BMW i Andretti Motorsport) nel mezzo del gruppo mentre le auto si avvicinavano, provocando una foratura alla ruota posteriore destra che ha messo fuori gara il pilota tedesco al secondo giro e bloccando la sua posizione in classifica.

Il trio di testa composto da Rowland, Frijns e Neel Jani (TAG Heuer Porsche) si è allontanato dal gruppo, inseguito da Lotterer che guadagnava ulteriori posizioni con un sorpasso spettacolare ai danni di Alex Lynn (Mahindra Racing), al quinto giro, in prossimità dell'ultima curva.

Jean-Eric Vergne (DS Techeetah), 17° a 20 minuti dall'ultimo giro, ha avuto difficoltà a riguadagnare posizioni e le sue speranze di ottenere punti in questa gara sono svanite a causa di una penalità inflitta per aver raffreddato la batteria oltre il limite consentito, un'infrazione rilevata dalla FIA tramite telemetria.

Al settimo giro, Da Costa e Di Grassi lottavano per il 15° posto, mentre entrambi cercavano di avanzare verso la zona punti. Il pilota dell'Audi ha messo sotto pressione il pilota DS Techeetah in curva 1 ed è stato inevitabile il contatto con l'auto del pilota portoghese che non è riuscito a evitarlo. Di Grassi è stato ancora una volta mandato in testacoda a Berlino, riportando una foratura. Un altro colpo di scena e un altro pilota in lizza per il secondo posto in classifica che è fuori dai giochi.

Al 14° giro, la tranquilla avanzata di Stoffel Vandoorne nel gruppo è proseguita con un sorpasso ai danni di Felipe Massa (ROKiT Venturi Racing) per arrivare all'11° posto, con il pilota brasiliano che ha perso una posizione a giro dopo essere partito ottavo, fino a trovarsi al 15° posto al giro 17.

Lotterer sembrava uscire vittorioso dalla lotta con gli altri piloti per il secondo posto, ma al 18° giro si è trovato ad affrontare il suo compagno di squadra Jani, che si trovava al terzo posto. Il pilota tedesco ha attaccato lo svizzero un paio di giri dopo quando Jani prendeva la sua seconda dose del boost di potenza da 35 kW dell'ATTACK MODE. Lotterer è passato così in terza posizione.

Il successivo pilota a passare sulla zona di attivazione è stato il leader Rowland, insieme a Frijns e Lotterer, quest'ultimo che ha mantenuto la terza posizione utilizzando la potenza del FANBOOST per assicurarsi di rimanere davanti a Jani, ma Rast (Audi Sport ABT Schaeffler) ha sorpreso entrambi per intrufolarsi al terzo posto. Sarebbe però durato solo un giro, poiché alla prima curva con 14 minuti più un giro da percorrere, Lotterer ha riconquistato la posizione. Questo però non è stato l'ultimo colpo di scena.

Rowland, nel frattempo, ha mantenuto tranquillamente la leadership, seguito da Frijns, Lotterer, Rast, Jani e Lynn senza troppi problemi su una Nissan IM02 che è entrata sempre più in sintonia con questo tracciato di Tempelhof.

Buemi sull'altra Nissan, nel frattempo, si faceva strada nel gruppo. Prima, ha eseguito un sorpasso su Alex Sims per il 12° posto, poi ha utilizzato il boost di 35 kW di potenza extra dell'ATTACK MODE per superare Da Costa sulla linea di partenza/arrivo per l'11° posto, avvicinandosi così alle posizioni da punti, ormai cruciali. Solo due giri dopo, Buemi ha raggiunto la Jaguar Panasonic Racing di Blomqvist e in poco tempo l'ha sorpassata prendendo così il 10° posto.

Lotterer e Rast sono stati gli ultimi del gruppo di testa a utilizzare la loro seconda dose di ATTACK MODE, rimanendo indietro rispettivamente in terza e quarta posizione, con poco più di cinque minuti più un giro dalla fine della corsa. La coppia ha lottato duramente negli ultimi giri, con il team Porsche che ha dato istruzioni a Lotterer di cambiare le impostazioni della sua 99x Electric in una modalità di risparmio di energia. 

Rast ha cercato in tutti i modi di sorpassare il suo avversario. All'ultimo giro, con una manovra aggressiva Rast è riuscito a superare la Porsche sul traguardo, conquistando il suo primo podio di Formula E, dopo Rowland e Frijns.

"Questo gioco è difficile" ha affermato Rowland. "Se perdi fiducia, puoi scontrarti con gli altri perché siamo tutti vicini. Molte volte quest'anno mi sono mancati solo un paio di decimi e sono arrivato lentamente a questo punto."

"La Super Pole è stato un altro tassello e ora il puzzle è completo. L'auto è fantastica e non potrò mai ringraziare la squadra abbastanza. Vincere contro altri 23 piloti in un ambiente competitivo come questo è semplicemente incredibile."

Lotterer ha concluso la gara al quarto posto, seguito da Alex Lynn (Mahindra Racing) che ha sottolineato come la sua migliore capacità di gestione dell'energia gli abbia consentito di rubare il quinto posto a Jani nel giro finale. Mitch Evans (Panasonic Jaguar Racing), Edo Mortara (ROKiT Venturi Racing), Vandoorne e Buemi hanno completato la top ten.

Dopo aver conquistato entrambi i titoli nel Round 9, il campione dei piloti Da Costa e il suo compagno di squadra Vergne non sono riusciti a ottenere alcun risultato utile. Zero punti per DS Techeetah, leader della classifica costruttori.

Questa vittoria vede Rowland raggiungere il secondo posto nella classifica piloti, con tre punti di vantaggio su Vergne e con Evans e Lotterer che hanno approfittato della sfortuna degli altri piloti per salire rispettivamente al quarto e al quinto posto. Nissan e.dams ha aumentato il suo vantaggio nella classifica costruttori rispetto a BMW i Andretti Motorsport, mentre Envision Virgin Racing ha scavalcato il team Mercedes-Benz EQ per il quarto posto.

Dai un'occhiata alla classifica completa e ai risultati di ogni sessione